Goldman Sachs vede la „rinascita di interesse“ in Crypto dalle istituzioni

7. August 2020 Aus Von admin

C’è attualmente una „rinascita di interesse“ per le crittocorse, ma questa volta non è da parte degli investitori al dettaglio, ma piuttosto delle istituzioni finanziarie, il nuovo responsabile degli asset digitali del gigante dell’investment banking Goldman Sachs ha rivelato in una recente intervista.

Mathew McDermott, il nuovo responsabile degli asset digitali

Mathew McDermott, il nuovo responsabile degli asset digitali della banca d’investimento, ha dichiarato alla CNBC che la banca ha „sicuramente visto un aumento di interesse da parte di alcuni dei nostri clienti istituzionali che stanno esplorando le modalità di partecipazione“ nello spazio delle crittografie. Ha aggiunto che sembra che ci sia „una rinascita dell’interesse per le valute crittografiche“ da questo segmento.

Come già riferito in precedenza, il principale asset manager digitale statunitense Grayscale ha registrato i suoi maggiori afflussi trimestrali nel secondo trimestre, affermando che riflette una domanda di asset digitali in rapida crescita, in quanto gli investitori cercano sempre più di diversificare i loro portafogli in un contesto di aggressivi interventi monetari e fiscali derivanti dalla crisi COVID-19.

Inoltre, un’importante società di software statunitense, MicroStrategy, ha recentemente dichiarato che potrebbe investire parte della sua liquidità in bitcoin (BTC) e in altri investimenti alternativi, citando „il rendimento reale negativo sul dollaro USA“.

Nel frattempo, anche McDermott, con sede a Londra, ha rivelato nell’intervista che ha intenzione di aumentare significativamente gli sforzi di Goldman nello spazio di cripto e blockchain, raddoppiando l’organico del suo team in Europa e in Asia.

Inoltre, il banchiere d’investimento ha una propria

Inoltre, il banchiere d’investimento ha una propria visione dei mercati finanziari, dove tutti gli asset risiedono su una catena di blocco:

„Nei prossimi 5-10 anni, si potrebbe vedere un sistema finanziario in cui tutte le attività e le passività sono nativi di una catena di blocco, con tutte le transazioni che avvengono nativamente a catena. Quindi, quello che si fa oggi nel mondo fisico, lo si fa in modo digitale, creando enormi efficienze“, ha detto McDermott alla CNBC, aggiungendo che questo potrebbe includere cose come „l’emissione di debito, la cartolarizzazione, l’emissione di prestiti“.

„Essenzialmente avrete un ecosistema digitale dei mercati finanziari, le opzioni sono piuttosto vaste“, ha detto il banchiere 46enne.

McDermott ha anche rivelato che Goldman sta attualmente „esplorando la fattibilità commerciale“ dello sviluppo di un „fiat digital token“ proprio come il suo concorrente JP Morgan ha già fatto con la JPM Coin. Ha anche detto che Goldman è stata in grado di attirare l’ex responsabile della strategia degli asset digitali di JP Morgan, Oli Harris, che è noto per essere stato coinvolto nel progetto JPM Coin.

Tuttavia, l’esecutivo ha aggiunto che Goldman Sachs è ancora all’inizio del processo di esplorazione di una tale moneta, e che continua a „lavorare attraverso i potenziali casi d’uso“ della stessa.